AIC Umbria alla Mostra nazionale del tartufo a Città di Castello

Mostra-Mercato-Tartufo-Città-di-Castello-255x204AIC Umbria sarà presente con un proprio stand alla prossima Mostra nazionale del tartufo di Città di Castello dal 30 ottobre al 2 novembre.

Sarà possibile iscriversi ad AIC Umbria, incontrare i volontari di Aic Umbria, avere informazioni sulla celiachia e la dieta senza glutine (sarà presente anche la dietista di Aic Umbria, Dott.ssa Ricci Valentina).

989

Sabato 1 novembre alle 19.00 ci sarà una degustazione dei prodotti della Farabella aperta a tutti i celiaci.

mani in pasta

 

Domenica 2 novembre alle 9:30 presso la scuola di formazione professionale Bufalini, corso di cucina glutenfree con lo chef Marcello Ferrarini. Il corso è completamente gratuito per gli associati AIC Umbria con prenotazioni obbligatorie al 3347645033. Posti limitati!!!

degustazioneAlle 12.30 in largo Gildoni sarà organizzato uno show cooking glutenfree tutto da gustare…con gli occhi!

Tartufo-bianco-1

Presso lo strand di Aic Umbria sarà sempre possibile gustare panini senza glutine grazie alla collaborazione di Con&Senza.

fggdd

 

Pubblicato in News

Nuovi Corsi rivolti ai professionisti della ristorazione!!

NUOVO AIC_logoAFC_orizz

Siamo lieti di invitarVi ai prossimi corsi AIC Umbria rivolto alle strutture ricettive (Hotel – Ristoranti – Pizzerie – B&B – Bar/Caffetterie) che intendono offrire un servizio senza glutine.

Il primo corso si terrà venerdì 14 Novembre alle 14.30 presso le sale di Biblioluna , in Via del Mandorlo 6, a Terni. (locali Circoscrizione Nord).
Altri due corsi sono in programma per lunedì 17 novembre alle 14:30 e lunedì 24 novembre alle 14:30 presso i locali formazione ASL1 a Perugia

Vi ricordiamo che il corso è obbligatorio in base alla d.g.r. 1351 della Regione Umbria, è gratuito e vale come corso base per l’inserimento nella guida AFC (Alimentazione Fuori Casa) di AIC.

E’ richiesta la presenza: del titolare o rappresentante legale della struttura e un responsabile della cucina

E’ consigliata la presenza: del personale di cucina e di sala della struttura

La durata del corso è prevista in circa quattro ore e si articolerà in una parte teorica e di una pratica a cura dello staff AIC Umbria e di uno chef esperto in cucina senza glutine.

Per Info e prenotazioni:

(corso Terni) Monica Barbarossa tel.3314174681

(corsi Perugia) Valentina Ricci tel.3347523564

cover Guida AFC 2014

 

Pubblicato in News

Guadagnare salute – Orvieto 22/23 ottobre 2014

Aic Umbria è stata presente come partecipante ed espositore alla due giorni di convegno “Costruire insieme la salute. Programmi ed interventi di promozione della salute tra intersettorialità, sostenibilità ed efficacia” realizzato all’interno del progetto nazionale Guadagnare salute. L’evento, promosso ed organizzato dalla Regione Umbria e dall’Istituto superiore di sanità in accordo con la Conferenza delle Regioni e Province Autonome , si  è tenuto il 22 e il 23 ottobre 2014 nella splendida cornice offerta dalla città di Orvieto presso il Centro congressi del Palazzo del Popolo.
Dopo aver affrontato, nella prima edizione, il tema dei sistemi di sorveglianza sugli stili di vita e scelte salutari da rendere più facili (come previsto dal programma nazionale Guadagnare salute) a Napoli nel 2009 e, nella seconda, a Venezia nel 2012, gli aspetti metodologici ed organizzativi degli interventi di promozione della salute , con questa terza edizione si è voluta focalizzare l’attenzione sui criteri della intersettorialità, della sostenibilità e dell’efficacia dei programmi e delle iniziative realizzati in quattro distinti setting d’intervento: il mondo della Scuola, la Comunità locale, l’Ambiente di lavoro ed il mondo dei Servizi e degli Operatori Sanitari. Inoltre una sessione è stata dedicata proprio al come inserire i temi della salute nelle politiche locali e nazionali.
Il concetto principale dell’evento di Orvieto è stato quello della “costruzione sociale della salute”. Non è possibile promuovere e guadagnare salute senza il concorso di diversi interlocutori che operano in ambiti diversi dalla sanità Gli operatori sanitari non sono gli unici protagonisti, ma possono e devono rivestire il ruolo di “catalizzatori” di interventi di prevenzione e promozione della salute in diversi ambiti . Per questo a Orvieto sono stati  presenti circa 700 partecipanti tra operatori sanitari e rappresentanti del mondo della scuola, del lavoro e delle comunità locali.
Il percorso della promozione della salute è lungo e sta attraversando l’Italia con tappe in Regioni diverse, in una staffetta ideale in cui la meta è la riduzione delle malattie già oggi largamente prevenibili, come le patologie cardiovascolari e i tumori.
La Manifestazione Nazionale si è articolata in diversi eventi:
• un convegno scientifico nazionale con interventi di relatori di livello nazionale ed internazionale e con comunicazioni di esperienze locali selezionate a partire dagli abstract presentati dai partecipanti;
• uno spazio dedicato alla presentazione di poster scientifici;
• uno spazio espositivo allestito in stand dedicato alla presentazione di esperienze e materiali realizzati in ambito di promozione della salute;
• uno spazio per la presentazione di produzioni video realizzate nell’ambito di programmi educativi e/o di campagne di informazione sulle tematiche inerenti i setting di intervento;
• 5 eventi satellite focalizzati su tematiche specifiche di interesse per gli operatori impegnati nella prevenzione e promozione della salute.

Grazie alla collaborazione fra AIC Umbria e gli enti organizzatori è stato possibile offrire ai partecipanti un percorso gastronomico tipicamente umbro e tutto senza glutine, per far capire anche agli scettici le grandi potenzialità di un’alimentazione equilibrata, sana e ovviamente priva di glutine.

Iniziative come questa ci rendono orgogliosi del nostro territorio e ci spronano ad impegnarci sempre di più per la tutela della nostra salute e dei nostri diritti, sicuri dell’appoggio delle istituzioni e degli enti preposti.

10702038_722909947792167_4949050789314542249_n 934767_722909341125561_4449650057374844609_n 10003447_722909184458910_8650909027221350528_n 10649606_722908634458965_8795991152705666869_n 1924555_722909017792260_5382774468795830441_n 10641043_722909274458901_5151403242888936475_n

VI – SAGRA DELLA CASTAGNA A CASTELDELMONTE – 10/11/12 E 17/18/19 OTTOBRE 2014

1596660_777654062295906_7354900947995782641_oAlla Sagra della Castagna di Casteldelmonte-Acquasparta (Tr) il 10-11-12 e il 17 -18 ottobre 2014 dalle ore 19.00 presso la Taverna sarà possibile mangiare anche senza glutine specialità a base di castagne in linea con il tema della sagra!
Domenica 19 la taverna sarà chiusa, ma Aic Umbria sarà presente dalle ore 14,30 con  “L’isola senza glutine”: stand informativo, degustazione di specialità senza glutine.

Non mancate!!!!

1269975_10203037870124049_3864973154218112947_o

Pubblicati i risultati di un importante studio finanziato da Fondazione Celiachia dedicato allo svezzamento

Introdurre il glutine a 12 mesi aiuta a prevenire la celiachia nei bambini ad alto rischio, geneticamente predisposti a non tollerare il glutine mentre per gli altri il momento per introdurre il glutine nella pappa non influisce sul rischio di ammalarsi: lo dimostra per la prima volta al mondo uno studio italiano sostenuto dalla Fondazione Celiachia dell’Associazione Italiana Celiachia (AIC), appena pubblicato sul prestigioso New England Journal of Medicine, che rivela anche come l’allattamento artificiale non aumenti la probabilità di diventare celiaci.

CELIACHIA, STUDIO TRANQUILLIZZA MAMME: MOMENTO “GIUSTO” PER GLUTINE CONTA SOLO PER BEBE’ A  RISCHIO. “SCAGIONATO” ANCHE LATTE ARTIFICIALE

I dati rivelano che la predisposizione genetica è il fattore principale per la celiachia: i bambini con due copie del gene HLA-DQ2 hanno il doppio della probabilità di sviluppare l’intolleranza rispetto a quelli che non le possiedono. L’80 % dei casi si manifesta inoltre entro i primi tre anni di vita: con un semplice esame del sangue alla nascita sarebbe perciò possibile individuare i bimbi a rischio per intervenire con strategie di prevenzione e screening mirati, così da ridurre la probabilità di celiachia e diagnosticarla tempestivamente.

ROMA, MERCOLEDI’ 1 OTTOBRE 2014 – Quando far assaggiare per la prima volta la pastina o un biscottino al bebè? Una domanda che moltissime mamme si fanno, soprattutto se in famiglia ci sono casi di celiachia: in passato infatti è stato ipotizzato che il glutine vada introdotto nell’alimentazione fra i 4 e i 6 mesi per non aumentare il rischio di sviluppare l’intolleranza. Oggi per la prima volta al mondo uno studio italiano, appena pubblicato sul prestigioso New England Journal of Medicine, tranquillizza le neomamme dimostrando che non è necessario aspettare troppo né sperimentare cibi con glutine molto presto: nei bambini senza una predisposizione genetica forte alla celiachia, il momento in cui il glutine entra nella pappa non influisce sulla probabilità di ammalarsi; nei piccoli ad alto rischio, invece, “conoscere” il glutine non prima dei dodici mesi aiuta a ridurre il pericolo di celiachia. No all’ansia, inoltre, anche per le donne che non riescono ad allattare al seno: l’allattamento artificiale infatti non influenza in alcun modo la possibilità di diventare celiaci. I dati arrivano da una ricerca della Società Italiana di Gastroenterologia (SIGENP) coordinata da Carlo Catassi dell’Università Politecnica delle Marche e Alessio Fasano del Center for Celiac Research and Treatment del Massachusetts General Hospital for Children, sostenuta dalla Fondazione Celiachia e finanziata grazie ai fondi del 5 per mille dell’Associazione Italiana Celiachia, secondo la quale il fattore che più incide sulla comparsa dell’intolleranza al glutine è la genetica: i bambini con due copie del gene HLA-DQ-2 hanno una probabilità di ammalarsi doppia rispetto a chi non lo possiede, inoltre nell’80% dei casi è emerso che la celiachia si manifesta entro i primi tre anni di vita. Con una semplice analisi del sangue alla nascita sarebbe perciò possibile individuare chi è ad alto rischio e quindi provare a mettere in atto strategie per prevenire la celiachia, ad esempio ritardando l’introduzione del glutine. I bambini ad alto rischio, inoltre, sono anche quelli in cui avrebbe un senso lo screening per la celiachia a 5-6 anni, al momento dell’ingresso nella scuola primaria: a questa età infatti l’intolleranza è ormai comparsa nella totalità dei piccoli pazienti e riconoscendola subito si potrebbero evitare le conseguenze negative sullo sviluppo.

La celiachia nel nostro Paese colpisce una persona su cento per un totale di circa 600.000 casi, di cui però solo 150.000 diagnosticati, e ogni anno vengono effettuate 10.000 nuove diagnosi, con un incremento annuo di circa il 10%: sono perciò sempre più numerose le famiglie in cui c’è almeno un celiaco e anche le mamme preoccupate di introdurre il glutine nello svezzamento “al momento giusto”, per ridurre il più possibile il pericolo che il bimbo diventi celiaco. Per verificare se realmente il momento della prima introduzione del glutine abbia un effetto sulla successiva probabilità di ammalarsi, Carlo Catassi e Alessio Fasano hanno seguito oltre 700 bambini in 20 centri di tutta Italia: un gruppo di piccoli ha ricevuto la prima pappa con il glutine a sei mesi, l’altro a dodici mesi.” Tutti sono stati analizzati per la presenza dei geni che predispongono alla celiachia e sono stati seguiti poi per dieci anni, così da registrare i nuovi casi e capire se vi fosse una correlazione fra la comparsa della malattia e la tipologia di svezzamento e allattamento. I risultati mostrano che il momento di introduzione del glutine non fa alcuna differenza sulla successiva probabilità di sviluppare la celiachia, né abbiamo osservato un effetto protettivo da parte dell’allattamento al seno – spiega Carlo Catassi, docente di pediatria all’Università Politecnica delle Marche e presidente della Società Italiana di Gastroenterologia, Epatologia e Nutrizione Pediatrica – Possiamo perciò tranquillizzare le mamme: chi non riesce ad allattare al seno non deve sentirsi in colpa, inoltre quando si affronta lo svezzamento non serve aspettare un momento preciso per dare prodotti con il glutine. Nei bambini ad alto rischio, però, un’introduzione tardiva attorno all’anno di età riduce sensibilmente il pericolo di celiachia. Perciò sarebbe molto utile riuscire a individuare precocemente questi piccoli”. “Questi risultati sono molto importanti perché rassicurano le donne celiache, che spesso affrontano con apprensione il loro progetto di maternità, per il timore di “trasmettere” loro l’intolleranza – commenta Elisabetta Tosi, Presidente AIC  – I dati ci dicono che le mamme celiache possono vivere i primi mesi del loro bimbo senza angustiarsi se non possono allattare al seno e senza modificare il programma per lo svezzamento. Piuttosto, i risultati sottolineano una volta di più come sia possibile e doveroso puntare alla diagnosi precoce, che proprio le mamme celiache sanno quanto sia essenziale per iniziare il percorso verso il benessere: a differenza delle altre malattie, in cui la diagnosi significa iniziare terapie e trattamenti, scoprire la celiachia significa cominciare da subito a stare meglio e recuperare perfino gli eventuali danni instaurati sulla parete intestinale”. La diagnosi precoce è infatti possibile, oggi: stando ai dati raccolti, il principale fattore di rischio per la celiachia è risultata la presenza di un gene, HLA-DQ2. I bimbi che ne hanno due copie hanno il 38% di probabilità di essere celiaci contro il 19% dei piccoli che non ne sono portatori. “Rilevare la presenza del gene è relativamente semplice, basta un esame del sangue – osserva Catassi – L’ideale sarebbe sottoporre i neonati a un test per il gene, così da identificare i piccoli ad alto rischio per mettere in atto strategie di prevenzione come l’introduzione tardiva del glutine; questi bambini, inoltre, sarebbero i candidati adatti per uno screening successivo, al momento dell’ingresso nella scuola primaria, per la vera e propria diagnosi di celiachia. L’80% dei casi di intolleranza nei bimbi ad alto rischio si manifesta entro i tre anni, la quasi totalità entro cinque-sei: sapere chi è predisposto geneticamente e farne un “sorvegliato speciale”, se non si riesce a scongiurare la comparsa della patologia, significa almeno diagnosticare il problema molto presto, quando non si sono avuti effetti negativi sullo sviluppo. Una celiachia infantile non riconosciuta, infatti, può comportare problemi di malassorbimento dei nutrienti e ciò, in un periodo in cui la crescita è molto rapida, può provocare deficit di accrescimento consistenti”. “I risultati ottenuti con lo studio appena pubblicato sono fondamentali per i celiaci e le loro famiglie, ma sono anche il risultato tangibile del lavoro della Fondazione Celiachia, nata nel 2004 proprio per sostenere la ricerca scientifica – riprende la presidente  Tosi – Lo studio è stato infatti finanziato con le donazioni del 5 per mille di oltre 60 mila contribuenti, che hanno deciso tutti di indicare l’Associazione come destinataria di quota parte delle loro imposte. Si tratta di una prova tangibile della fiducia che i pazienti ripongono in noi e siamo molto felici di vedere raggiunti i primi, importanti obiettivi grazie al loro sostegno e all’impegno dei ricercatori”.

 

 

Pubblicato in News